Cosa vedere a Napoli: Pedamentina, Certosa di San Martino, Castel Sant’Elmo

Posted on

“Dovunque sono andato nel mondo ho visto che c’era bisogno di un poco di Napoli.”

Con questa emblematica ed emozionante citazione di Luciano De Crescenzo, vi conduco con me nella lettura di questo racconto che darร  inizio ad una nuova rubrica dedicata alla mia magnifica cittร : Napoli.

Sempre piรน spesso dalla mia community – ammaliata dalle bellezze che condivido tramite i miei scatti soprattutto sul mio profilo Instagram – ricevo tantissimi messaggi in cui mi vengono richiesti dei consigli su cosa vedere e fareย a Napoli.

Napoli รจ una cittร  poliedrica, pullulante di storia, arte, leggende, colori, folclore e meraviglie paesaggistiche. E’ un museo e teatro a cielo aperto. E’ fusione di calore del sole e accoglienza del popolo. E’ il blu del cielo e del mare che si abbracciano. E’ quel piatto buono buono che ti resta in bocca e nel cuore. E’ il vociare nei vicoli stretti, ed il silenzio assordante di scorci che lasciano senza parole.

E’ un vortice di emozioni che ti restano addosso per una vita intera. E’ una cittร  che non smette di combattere, stupireย e affascinare con la sua autenticitร .

napoli

Napoli.

Se anche voi siete vogliosi di immergervi in queste emozioni esplorando i luoghi magici di Napoli, seguitemi in questa passeggiata inebriante per l’anima e gli occhi. Partiremo dai gradoni della singolare strada della Pedamentina, perdendoci poi nell’arte e nella storia della Certosa di San Martino, soffermandoci, infine, ad ammirare stupefacenti panorami dal Castel Sant’Elmo.

napoli

Napoli.

Info utili per come arrivare:

La zona da raggiungere รจ Vomero San Martino. Se non siete muniti di auto, potete utilizzare dal centro di Napoli la Linea metro L1 fermata stazione Vanvitelli. In alternativa, la Funicolare di Montesanto (stazione Morghen, proseguire a piedi fino al Largo San Martino per circa 7 minuti).

Pedamentina

Napoli รจ una cittร  attraversata anche da scale, scalini, gradoni, rampe, salite e discese, che definiscono una mappa articolata che collega le colline con il mare, ponendola nel suo contrasto piรน accentuato ossia tra caos cittadino e pace dei belvedere.

La Pedamentina (da “pedemontanus”, ai piedi della collina) รจ una di queste stradine nascoste fatta di gradini, che svelano un’altra Napoli da esplorare a passo lento.

pedamentina

Pedamentina, Napoli.

รˆ in assoluto la prima strada costruita sulla collina, nata nel XIV secolo, dagli architetti Tino di Camaino e Francesco de Vito, come arteria per favorire il trasporto dei materiali necessari alla costruzione della Certosa di San Martino.

Venne piรน volte anche dotata di sistemi di difesa contro chi intendeva assediare Castel Santโ€™Elmo, evolvendosi nei secoli fino ad assumere lโ€™aspetto attuale.

pedamentina

Pedamentina, Napoli.

Questa della Pedamentina รจ una passeggiata estremamente suggestiva per conoscere un altro lato di Napoli. I suoi ben 400 gradini che collegano il centro storico con la Certosa e il Castel Sant’Elmo, rappresentano un’importante testimonianza storica e urbanistica oltre ad offrire un panorama spettacolare su tutto il golfo.

Scrutare questi passaggi e strettoie รจ un’esperienza affascinante, poichรฉ ogni angolo in cui i nostri occhi si posano sembrano avere una vita propria, lontani dal trambusto della cittร .

In uno degli edifici che si affacciano sulle scale della Pedamentina, soggiornรฒ addirittura il poeta Charles Baudelaire, attratto dalla suggestione di questi vicoletti.

pedamentina

Pedamentina, Napoli.

Napoli รจ risaputo che รจ una cittร  di mistero e leggende e anche la Pedamentina รจ protagonista di alcune di esse. Lungo le scalinate, molti giurano di aver visto un fantasma che si divertirebbe a spaventare i passanti. Qualcuno lโ€™ha visto entrare ed uscire dalle mura, altri lโ€™hanno sentito urlare o ridere. Legata alla scalinata cโ€™รจ anche unโ€™altra leggenda ossia quella che nei pressi di un vecchio cancello, passando di lรฌ di notte, si udirebbero dei pianti e dei lamenti. In quel luogo infatti, le guardie reali uccidevano i nemici e lasciavano i corpi nei sotterranei in pasto ai topi.

Un luogo che incanta, stupisce e incuriosisce, ma soprattutto che ci conduce sulla sommitร  del colle che domina sull’intera cittร  e dal quale รจ possibile ammirare un paesaggio unico soffermandosi presso la Certosa di San Martino e il Castel Sant’Elmo.

pedamentina

Pedamentina, Napoli.

Certosa di San Martino

La Certosa di San Martino insieme al Castel Sant’Elmo offrono l’incomparabile bellezza della cittร  di Napoli osservandola a 360 gradi: da Posillipo a Capri, alla penisola sorrentina, per giungere poi al Vesuvio e Capodimonte, entrando nei vicoli dei Quartieri Spagnoli e di Spaccanapoli. Storia e opere d’arte sorvegliano dall’alto il golfo.

La Certosa รจ stata costruita nel 1325 da Tino di Camaino per volere di Carlo di Calabria, primogenito di Roberto dโ€™Angiรฒ. Questa conta circa cento sale, due chiese, un cortile, quattro cappelle, tre chiostri e giardini pensili, rappresentando uno dei maggiori complessi monumentali religiosi della cittร , e uno dei piรน riusciti esempi di architettura e arte barocca.

certosa di san martino

Certosa di San Martino, Napoli.

Dellโ€™impianto originale resta perรฒ pochissimo: il complesso che oggi ammiriamo รจ stato realizzato tra il 1581ย ed ilย 1723 ad opera di tre grandi architetti, il fiorentino Giovanni Antonioย Dosio, il bergamascoย Cosimo Fanzagoย ed il napoletanoย Nicola Tagliacozziย Canale, i quali rispecchiarono nellโ€™opera le influenze artistiche dei loro tempi, dallo stile rinascimentale al barocco ed rococรฒ.

certosa di san martino

Certosa di San Martino, Napoli.

Di particolare suggestione sono i due chiostri visitabili del complesso: il Chiostro Grande costituito dal cimitero dei certosini e dalle statue del loggiato, dai busti dei santi certosini sui portali, dal finto pozzo e da numerosi alberi da frutto. E’ considerato uno splendido esempio dellโ€™arte napoletana seicentesca.
Ilย Chiostro Piccolo, detto anche Chiostro dei Procuratori, รจ unโ€™opera del Dosio, attraverso di esso si giunge ai giardini e alle sale del Museo Nazionale.

certosa di san martino

Certosa di San Martino, Napoli.

I Giardini della Certosa sono l’esempio di quando un giardino diventa paesaggio. Un posto senza tempo, antico e moderno, uno di quei rari giardini che sanno lasciare la parola alle piante, al panorama e alla storia che lo celebra. Una piccola oasi che regala armonia e rifugio dagli affanni del mondo.

Castel Sant’Elmo

Castel Sant’Elmo รจ un castello medievale, il primo per grandezza tra i 7 castelli di Napoli. Oggi รจ adibito a museo, e sorge nel luogo dove vi era, a partire dal X secolo, una chiesa dedicata a Santโ€™Erasmo (protettore dei marinai), ed รจ da qui che deriva il nome che porta oggi, ossia Elmo.

castel sant'elmo

Castel Sant’Elmo, Napoli.

La costruzione del castello risale intorno al 1275, come una residenza fortificata angioina, denominata Belforte; fu successivamente Roberto d’Angiรฒ a volerne l’ampliamento del palatium e l’incarico fu affidato a Tino di Camaino. Con la sua posizione privilegiata รจ protagonista della storia di Napoli da 700 anni comparendo in tutti i dipinti e divenendo uno dei luoghi piรน fotografati.

castel sant'elmo

Castel Sant’Elmo, Napoli.

In parte ricavato dal tipico tufo giallo napoletano, trae origine da una torre dโ€™osservazione normanna di importanza strategica per la difesa della cittร  dalle invasioni provenienti dal mare.

Il castello che conosciamo oggi, con la sua forma peculiare a sei punte (unica fortificazione al mondo ad avere tale aspetto) รจ pero merito dell’architetto Pedro Luis Escrivร . Con tale struttura il Castel Sant’Elmo venne anche definito “fortezza invincibile”.

castel sant'elmo

Castel Sant’Elmo, Napoli.

Nei secoli perรฒ quest’ultimo si trasformรฒ in carcere rimanendo in mano ai militari. Fu solo nel 1978 che il Ministero della Difesa cedette il castello al demanio civile, e nel 1988 la fortezza fu aperta alla cittadinanza divenendo oggi la terrazza per eccellenza del Vomero dalla quale ammirare un paesaggio senza eguali.

Con la sua posizione incantevole, per l’appunto sulla collina di San Martino al Vomero a 250 m s.l.m., gode e fa godere di una vista mozzafiato dai suoi larghi spalti su tutta la cittร , sul Vesuvio che primeggia, sul lungomare, fino a giungere alla bellezza delle isole di Capri, Ischia e Procida. Un abbraccio che avvolge, fa innamorare e incanta. Per i piรน romantici vi consiglio di salire sul castello all’ora del tramonto, lo spettacolo al quale assisterete sarร  uno dei piรน memorabili della vostra vita.

castel sant elmo

Castel Sant’Elmo, Napoli.

castel sant elmo

Castel Sant’Elmo, Napoli.

Segnatevi questo luogo per una vostra futura visita a Napoli sarร  un viaggio che vi riempirร  il cuore di eterna bellezza.

Mi piace raccontarvi anche della mia cittร , perchรฉ in questo modo รจ come se mi prendessi cura di essa, e dunque di un frammento di mondo.

napoli

Castel Sant’Elmo, Napoli.

Ci rileggiamo nel prossimo articolo con nuove “tips” da aggiungere nelle vostra lista di viaggio.

 

Vuoi scoprire altri luoghi da visitare in Campania? Leggi QUI.ย 

Seguimi anche su Instagram @veryblond .

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.