dashblog logo
Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="4288"]

L’isola verde: Ischia

Posted on

Se la vostra esigenza del momento è una giornata di sole – dai raggi cocenti – che illuminano e riscaldano ritemprando il cuore, un cielo azzurro e nulla che offuschi il vostro orizzonte blu cobalto, la meta da scegliere è sicuramente Ischia.

L’isola più grande, territorialmente parlando della Campania, denominata l’isola verde per il colore delle sue acque cristalline, ha il potere di coinvolgere e emozionare, ammaliarti e catturarti, entrandoti dentro senza troppe pretese.
Ho la fortuna di essere nata vicino a questi posti incantevoli – il mare mi scorre nelle vene – e tale fortuna mi permette di poter conoscerli non solo molto bene, ma anche di poter approfittare, quando voglio, di concedermi dei giorni di totale relax immersa nel mio habitat naturale.
Ecco perché ho deciso di raccontare anche a voi le bellezze più famose ischitane, qualche “chicca” trovata lungo il mio cammino e altri consigli di viaggio sparsi.
C’è da dire che Ischia per me è però anche “approdo”nelle sue baie più nascoste, avendo la possibilità di navigare le sue coste, con la mia barca, ma in molte occasioni, come in quest’ultima risalente a qualche settimana fa, weekend in amicizia soggiornando in location incantevoli.

INFORMAZIONI UTILI PER ARRIVARE E MUOVERSI A ISCHIA

Prima di portarvi con me in questo itinerario fatto di sapori, profumi e colori dai toni intensi e inebrianti, vi lascio dei consigli utili su come arrivare e muoversi a Ischia.
Potete imbarcarvi sia dal porto di Napoli che da quello di Pozzuoli ( da qui la tratta è più breve) utilizzando traghetti o aliscafi. I prezzi ovviamente variano da compagnia a compagnia.
Ischia è una destinazione estremamente popolare e durante il periodo estivo diventa spesso difficile trovare posto sui traghetti. Vi consiglio perciò soprattutto se la vostra vacanza sarà nel periodo di alta stagione estiva, di prenotare con un certo anticipo, per assicurarsi un posto a bordo al miglior prezzo possibile nel giorno in cui si desidera viaggiare.
Gli spostamenti sull’isola possono essere fatti tranquillamente a piedi oppure utilizzando i bus che fanno fermate in quasi tutti i punti più caratteristici e conosciuti. ( Vi consiglio in tal caso il biglietto giornaliero che costa 4,50 euro).
Ma se avete voglia di visitare l’isola comodamente in auto oppure in motorino così da percorrere con il vento tra i capelli gli scorci ischitani, sono presenti anche tanti noleggi auto.


Ora però stringete la mia mano e seguitemi negli angoli più belli di questa tanto amata isola.

ISCHIA per me è…

Ritornare nei posti che definisco casa mi fa sempre piacere, anche se conosciuti, ma niente è più appagante del profumo di salsedine appena svegli, dell’aria di anticipo d’estate che spettina i capelli, e di quel blu, quel blu paradiso che dona un senso di pace.
Approfittando così di due giorni di fine maggio io e la mia amica ci siamo dirette alla volta di Ischia. Ad attenderci la cordiale ospitalità dell’hotel VILLA PARONAMICA situata a Ischia Ponte poco distante dal porto centrale e dall’immenso Castello Aragonese.
Circondata dal verde, da terrazzate incantevoli vista mare e sala per colazione immersa nella natura, inutile dire che il colpo di fulmine è stato inevitabile!
Ma la vera bellezza che ha coccolato i nostri risvegli ischitani è stata sicuramente la terrazza riservata alla nostra camera con l’incredibile veduta del Castello Aragonese che capeggia l’intera isola come un re seduto sul suo trono. Ogni essere umano dovrebbe avere questa fortuna anche solo per un giorno: aprire gli occhi sull’infinito, spegnere i pensieri e misurare il tempo in brividi d’emozione. Tutto questo per noi è stato possibile grazie al nostro pernottamento in villa.

Hotel Villa Panoramica, Ischia.

Dalla camera dell’hotel Villa Panoramica, Ischia.

Dopo la sistemazione in camera, armate di reflex, smartphone, e abitini in pendant con la scenografia isolana, abbiamo iniziato a percorrere le meraviglie ischitane e ciò che più per me rappresenta l’isola.

Il Castello Aragonese

Da incorreggibile sognatrice che sono è stato facile immedesimarmi negli abiti di una principessa di altri tempi alla vista del maestoso Castello Aragonese. Questo è un luogo sorprendentemente ricco di storia e di magia che ogni anno attira migliaia di turisti. E’ arroccato su un isolotto di natura vulcanica collegato alla terraferma da un ponte in muratura lungo circa 200 metri, dove oggi fioriscono anche molti bar e ristoranti.
Un giro di valzer con il mio abitino floreale e la magia di ritrovarmi a vivere una fiaba ottocentesca ha preso il via.

Castello Aragonese.



La visita del castello ( costo del biglietto 10 euro a persona) è molto suggestiva e al suo interno si possono visitare un gran numero di edifici storici. Ciò che colpisce sono soprattutto la Chiesa dell’Immacolata, con il convento annesso che oggi è adibito ad albergo, e la Cattedrale di Santa Maria della Scala. Interessante anche il Museo degli Attrezzi, che esibisce una esposizione di strumenti di tortura e armi antiche. Qui c’è davvero da rabbrividire!
Ma ciò che più incanta tutti i visitatori è l’incredibile scenario che dall’alto del castello si prospetta su tutto il golfo. Dinnanzi ad uno spettacolo di tale entità meravigliarsi mi è risultato ancora più semplice! Un tuffo nel blu impagabile, ci si sente in contatto con la vera bellezza, quella che non fa male, quella che non si fa desiderare, ma come un regalo si dona e ci appaga in ogni senso.
Il romanticismo sicuramente in questo luogo incantato ne fa da padrone!

All’interno del Castello Aragonese.
All’interno del Castello Aragonese.

Le spiagge

Ma un’isola cosa può essere se non soprattutto la bellezza delle sue spiagge? E ad Ischia c’è davvero l’imbarazzo della scelta!
Ogni borghetto, ogni scorcio, viale o stradina, conduce in piccole calette sui scogli, in spiagge di sabbia fine e dorata, o in sentieri a picco sul mare che conquistano i gusti di tutti.
Le più rinomate e frequentate sono sicuramente:

  • Spiaggia di San Montano
    La spiaggia di San Montano si trova in una meravigliosa insenatura situata tra i due promontori di Zaro e Monte Vico ed è circondata da una lussureggiante vegetazione, che potrebbe senza alcuna invidia davvero condurci mentalmente ad un arcipelago dei tropici. Questa caletta ha una sabbia finissima, fondali bassi e un’acqua limpida.
  • Spiaggia la Scannella
    La Scannella è un vero e proprio gioiello di Ischia: la sua posizione incantevole immersa nella natura rocciosa e le sue acque cristalline attirano centinaia di turisti, soprattutto amanti delle immersioni e del turismo in barca. È una spiaggia privata, ottimamente attrezzata e ben curata, inoltre, distante pochi minuti di barca dal borgo di Sant’Angelo.
  • Spiaggia dei Maronti
    Questo angolo di Paradiso circondato da maestose colline le cui rupi, a declivio sul mare, nascondono“cave”, sede spesso di sorgenti di acque termali, è una delle più belle spiagge d’Italia.
    Una parte minima di questa spiaggia è compresa nel comune di Serrara Fontana e la parte maggiore nel Comune di Barano, ed è raggiungibile con una strada panoramica che scende a tornanti dal paese omonimo. I panorami che si possono ammirare da qui sono davvero incredibili.
    La spiaggia inoltre lunga ben 3 km ospita molti lidi in cui è possibile godersi una giornata in pieno relax, basato su buon cibo, tintarella e profumo di mare.
Spiaggia dei Maronti.
  • Spiaggia dei pescatori
    Questa spiaggia che si posiziona negli scorci di Ischia Ponte gode di un paesaggio unico e suggestivo: il Castello Aragonese da una parte, le casette colorate del borgo dall’altra, e in lontananza le isole azzurre di Vivara e Procida. Sul litorale si trovano spesso le numerose barchette di legno dei pescatori che, insieme al profumo di pesce fresco che esce dai ristorantini che fanno da cornice alla scenografia già di per sè pittoresca, rendono l’atmosfera autentica e piacevole.
  • Le spiagge del Negombo e Poseidon
    Un occhio di riguardo è riservato però anche agli incantevoli centri termali del Negombo e del Poseidon che arricchiscono ancora di più le meraviglie di cui gode Ischia.
    Una giornata trascorsa all’interno di uno di questi centri è un vero e proprio toccasana!
    Il parco del Negombo che si disloca nella zona di Lacco Ameno nell’oasi di San Montano è un trionfo di natura, piscine naturali, acque termali, percorsi di benessere e idromassaggi, dove l’acqua e l’arte sono protagoniste indiscusse di un giardino di delizie.
    Qui il costo del biglietto per accedervi per un’intera giornata è di 33 euro.
    I giardini Poseidon di Forio invece sono il più grande centro termale dell’isola.
    Tra fiori, rose e alberi di ulivi, i poteri teraupetici della natura vulcanica coccoleranno tutti i nostri sensi per un pieno carico di energie.
    Anche qui il costo del biglietto è di 33 euro per una intera giornata.
Centro termale Negombo.

I tramonti

Alla vista di un tramonto i miei pensieri più disordinati trovano ordine, il gioco di parole frettoloso che li impaccia si ferma e si rasserena.
I sorrisi che cerco di regalare sempre perché non sono capace di tenerli dentro mi si leggono dagli occhi; occhi troppo grandi per nascondere le emozioni.
La verità, quella più assoluta, è che i tramonti al mare alimentano la mia voglia di credere e di sognare ancora. I suoi colori che si rispecchiano sulla superficie del mare mi descrivono più di ogni altra cosa. Come quanto quel mare mi inonda dentro nonostante fuori appaia tutto tranquillo.
Mi sento proprio come lui: profondo. Se hai voglia e coraggio di tuffarti ti abbraccio, ma se resti in superficie puoi perderti tutto il meglio che nascondo a poche “bracciate” da te.
Ed Ischia ha sempre l’incantevole privilegio di lasciarmi vivere tramonti da mozzare il fiato.
Quelli sicuramente più belli li ho toccati su pelle a Forio.
Un borgo caratterizzato da vicoli stretti, piazzette colorate con banchi di frutta e verdura, torri di avvistamento e gli spicchi di mare che rendono i suoi scorci come quadri da incorniciare!
Una tappa imperdibile è sicuramente la Chiesa del Soccorso, dedicata a Santa Maria della Neve. Eretta sull’omonimo promontorio, quest’ultima è circondata su tre lati dal mare e spicca nel suo candore dall’alto della scalinata maiolicata.
Prendete il vostro amore, i vostri affetti più cari, l’amica del cuore, oppure prendete voi stessi e lasciatevi inondare da questo tripudio di meraviglia.

Forio.
Forio.

I sapori di mare

Il profumo del mare e della tipicità ischitana rende appetitosi e invitanti anche i nostri momenti di break.
Ecco un mio piccolo personale elenco dei ristoranti che più ho apprezzato e che ho provato e mi sento di consigliarvi. Ma lasciatemi dire che ad Ischia mangiare bene è una filosofia quindi ogni locale dal più piccolo al più grande interpreterà sicuramente al meglio l’anima dell’isola.

  • Deus Neptunus
    Il Ristorante Deus Neptunus si trova nel borgo di Sant’Angelo a ridosso del mare e del cielo.
    La sua entrata dai toni che ricordano i colori della Grecia è già un meraviglioso biglietto da visita. La sua posizione infatti assolutamente suggestiva, a strapiombo sul mare, ha inebriato i nostri sensi sia dal punto di vista culinario ma anche per essere una cornice perfetta in una location dipinta dal blu.
Ristorante Deus Neptunus.
  • La Sirenella & Friends
    Il Ristorante La Sirenella rappresenta il fiore all’occhiello della zona di Lacco Ameno conosciuta per il suo emblematico scoglio a forma di “funghetto”.
    Il nostro pranzo in terrazza con vista mare cristallino è stato molto piacevole sia per l’accoglienza del personale che per la squisita cucina tipica napoletana.
    Qui infatti oltre ai buonissimi piatti a base di pesce, si può gustare anche una impeccabile pizza napoletana. Provare per credere!
  • ‘A paranza
    Una cena in riva al mare con alle spalle le luci che illuminano l’incantato Castello Aragonese è possibile apprezzarlo al ristorante ‘A Paranza.
    Qui è possibile gustare la cucina tradizionale del posto. Niente congetture, niente fronzoli. Ma solo tanta bontà. Frittura di gamberi e calamari, primi piatti impeccabili tutto richiama in pieno i sapori ischitani ma soprattutto del mare.
    Ciliegina sulla torta, un buon calice di vino Biancolella , e un ottimo cremoso meloncello conclusivo. Non dimenticate di non rifiutarlo mai!
  • Fruttivendolo Garden Fruit
    Una nota a parte deve essere scritta per il caratteristico e verace angolino scoperto in una delle viuzze più popolate di Ischia Ponte.
    La bottega di frutta e verdura Garden Fruit ha rapito la mia attenzione. Ciliegie, fragole, pomodorini rossi, anguria, insalata, ceste piene di ogni delizia fanno da cornice a questo pittoresco luogo.
    Il proprietario frizzante e simpatico ha allietato in maniera giocosa i nostri scatti, e per concludere al meglio la visita ci ha offerto un mega calice di “aperifrutta” gustoso e dissetante.
    Una tappa a cui non rinuncerò più quando ritornerò a Ischia.
Garden Fruit.

L’infinito dei panorami

Ma cosa c’è di più affascinante su un’isola se non quello di lasciarsi cullare nell’infinito e immenso dei suoi panorami?
Il mio preferito è quello di Sant’Angelo. Complice anche la sorpresa che si prova a vederlo comparire svoltando una curva da una stradina.
Uno spettacolo di colori ricreato dall’isola tufacea che domina il borgo, con il il suo porticciolo e la piazzetta circoscritta da un grappolo di case colorate.
I raggi del sole che brillano sul mare, il vento che rilassa e infonde buon umore, i vicoletti che si animano di vita quotidiana, tutto rende questo posto estremamente magico e elegante.

Sant’Angelo.

Ecco cos’è per me Ischia, questo ma sicuramente tanto e tanto di più.
E spero che con il mio racconto vi abbia non solo dato le giuste direttive per visitarla, ma anche trasmesso le emozioni che si possono provare lasciandola entrare nei punti giusti del nostro cuore.


Concludo così con una conversazione nata per caso, semplice e speciale, quella che si inserisce tra le onde del mare e le pieghe del cuore:
“… invece a me basta un tramonto.
Ed il mare soprattutto il mare.
Una mano da stringere quando le luci del tramonto ed il rumore dell’acqua ti fanno battere il cuore più forte, come le onde sugli scogli.
E più batte forte e più si stringono, non solo le mani.”

Continuiamo appena possiamo a prenderci cura dei nostri momenti spompi. Non si può essere impeccabile tutti i giorni. Ma superando i nostri confini, legandoci a ciò che ci fa stare bene si può sempre ripartire.

Osando. Vivendo.

XOXO

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *